Meeting at the makerspace with fashion tech designer Anouk Wipprecht

(originally posted on Digicult – versione italiana sotto)

In “The Diamond Age, A Young Lady’s Illustrated Primer”, a cyberpunk novel by Neal Stephenson, where a near-future world is revolutionised by nanotechnology, Constable – the protagonist’s adoptive father – asks her daughter Nell which path she wants to take: “conformity or rebellion?”. Nell’s goes: “Neither one. Both ways are simple-minded — they are only for people who cannot cope with contradiction and ambiguity.”

Somehow the path Anouk Wipprecht took in her life had to deal with some of the challenges which reminded me of Nell and, like her, she didn’t allow creativity to be sacrificed for conformity. Back in September I spent with Anouk a day wandering from location to location here in Milan, in order to meet all the appointments of her schedule and then perform at Meet the Media Guru, a series of events featuring international leaders in digital culture discussing a variety of topics from science to fashion and environment.

Her work as a fashion tech designer brings her all over the world, especially in the US, where a diverse range of companies like Intel, Samsung and Swarovski commissioned her installations and products mixing the futuristic aesthetics of digital fabrication design, with the most innovative components of wearable tech. Since she started working in this field 12 years ago, she’s been developing 37 projects mainly transforming dresses into interfaces: through the use of robotics and open hardware finally fashion starts talking to us.

During our conversation and her keynotes, it’s clear how for Anouk Wipprecht that fashion means mainly dealing with expressiveness and communication. Born in the Netherlands she studied fashion since age 14 even if her family, not having a wealthy background, would have preferred she’d chosen something more oriented to a “real job”, like being a lawyer or a doctor. In those days Anouk was into drawing and the act of sketching garments became a way to express herself and overcome her introvert attitude.

After a couple of years into studying, she realized fashion training was missing something, it was too analog to experiment in a more radical way. Her father worked with computers and coding but Anouk’s interest fell on robotics because it was more physical: “a robot could have a heart and a brain because as they are shaped like humans.  Putting a  robot on the body could allow my garments to become a better mean of expression of the identity and moods of the wearer”, she explains.

As interdisciplinarity and contamination was not yet a trend in those years, therefore her experiments with technology were not appreciated in the fashion school and she got kicked out. “I those days I was a bit lost”, she continues – “Then I visited some classes of one of my friend who was studying interaction design and discovered Arduino. It was during the first years of the Arduino project born at the Interaction Design Institute in Ivrea (Italy) and also fostered by a guy in Malmö, which then I realized it was David Cuartielles, one of the initial co-founders.

I decided to go to Sweden and participate in a workshop focused on understanding what people wanted to do with the open source microcontroller. I soon discovered how useful was to be in touch with an open source community, sharing projects, code and lowering the barriers to interaction design for people without an engineering background. And also how interdisciplinarity was key to my projects”.

“Back then Interaction design school didn’t know anything about fashion and conversely fashion schools didn’t have a clue about technology. And I soon realized that more conflicts you have, more interesting ideas come about.” she tells me in the middle of our conversation while on a taxi we rush to another location.

Eventually, Anouk went back to the fashion school, at least one of her teacher accepted her tech approach, and she was able to focus on the aesthetics of her practice because she became more confident around embedding technology. Her journey could keep going but it was not always so smooth.

“If you’re not an engineer you’re often belittled both if you are a boy or a girl, but female feel more affected because tech is mostly a ‘bro culture’. Ten years ago, it was one of the first time I was going on stage to talk about my projects, and when I was in the crowd, composed mostly by men, I realized they supposed I was going to talk about marketing or something not technical.

I wish they were less judgemental. But now it’s weird because the situation is just the opposite. As I’m a girl dealing with technology I get invited a lot, sometimes just because I’m a female. It has become extreme again because it creates awkward moments as you think you’ve been chosen just because you’re a girl.”

Anouk’s early works like Smoke Dress and Spider Dress are mostly dealing with creating a higher state of connectivity with people around us in a nonverbal way. While the first, a fully 3D-printed dress, automatically creates a veil of smoke whenever someone enters the personal space of the wearer, the second made of the animatronic limbs which move up to an attacking position when someone approaches the wearer too aggressively and create smooth gestures to welcome the calm visitors.

Wearing these dresses makes it easier to show when the person feels uncomfortable and expressing the feeling without saying a word. One of her recent projects is focusing more on health. “Mental health has not been researched enough. The projects I do could be an inspiration to look at some issues in a different perspective.  The Agent Unicorn project for example explores the behaviour of children with ADHD, kids who are a little more busy than other people and specialists tend to say they have a disease, and I believe it’s wrong.

If your child is more engaged and curious about the world compared to others, doesn’t mean you need to give him medication, but that’s what’s happening in the United States. The Agent Unicorn project is a device I created to show to kids how their brain works because for me, in the long run, creating a learning system is better than dumbing them down with pills”

Agent Unicorn is a 3D printed hairband shaped like a horn and equipped with a camera and EEG (Electroencephalography) sensor. It’s playful and comfortable at the same time so kids are happy to wear it. When the EEG sensor gets a strong signal, the camera turns on to record the child’s view in the real time experience. In this way the device can give a better understanding of what excites or distracts the child in different experiences. The project was developed during her stay at Ars Electronica Futurelab where she teamed up with a group of neuroscientists and technologist to explore
 a
 way
 for 
children
 to
 wear
 medical
 devices
 with a different state of mind thanks to a 
fashionable 
esthetic
 and their involvement in the exploration of their attention span during the day.

Like other projects, also Agent Unicorn will be open sourced and documentation released online: “I often open source my projects to allow the community to make their own and give me feedback, as it’s especially important when working on medical-grade devices which has accurate measurements.

The sharing aspect is a very important part of my work because I wouldn’t be like what I am today if I could not access a lot of open source knowledge. I also like to explore more radical ideas and, as an artist, I can have some effects on the healthcare industry if I make more projects like this. It also allows me to make some sensible topics open to discussion.”

Our conversation goes on reflecting on how quite often innovation happens when you look at things in a different perspective. A problem that has not yet been solved, an innovation we are still waiting for, for example, is how to wash garments when they embed electronics. If you try to solve it just looking at the electronic components and how to make them washing-machine-resistant, probably we’ll never solve it.

But what about designing a new type of washing machine with the ability to clean without water? Wearables still face a lot of limitations to become real consumer products because of issues like energy consumption, maintenance and washability but maybe it gets easier if we just imagine a washing machine suited for electronics.

“Just imagine you come back home and you put your garment in a closet where it gets charged and dry-washed” says Anouk. And that’s a good point: we should start asking the questions to the right industries and build a collaboration between different sectors if we really want wearables to become widespread and involve the community  to create an ecosystem of devices which are open source, customisable and fixable by a network of local makers in hackerspaces, makerspaces and fablabs.

Otherwise, wearable dresses and devices are going to just inhabit the territory of exclusivity and luxury:“The area of fashion technology started to attract interest firstly of tech companies – explains Anouk – Fashion companies have been raising attention later, only since 3-4 years ago. But right now the business model of fashion is based on a fast In&Out process so it’s pretty hard to introduce technology in it because you need much more time to make a tech garment and it would be economically unsustainable to induce obsolescence at the end of the season.

With high-end garments and couture fashion audience, it could be easier because the focus is mostly on the artisanship and craft applied on a garment, and you can add up also the value of interaction and embedded technology. But I’m not so focused on creating luxury garments for wealthy people which can afford them.

I’m more interested in experimenting with people with special needs and create projects that are more accessible to a wider audience. How can my projects help kids with ADHD or adults with dementia or depression? I think that reflecting on how to make wearables commercial and consumer-proof rather than exclusive it’s a better conversation to have.”


Nel romanzo cyberpunk  “L’era del diamante. Il sussidiario illustrato della giovinetta”Neal Stephenson racconta di un mondo del futuro prossimo rivoluzionato dalla nanotecnologia, in cui Constable – padre adottivo della protagonista – chiede a sua figlia Nell quale strada desideri intraprendere: “conformismo o ribellione?”. E Nell risponde: “Nessuno dei due. Entrambi i modi sono semplificazioni: solo per coloro che non sono in grado di affrontare contraddizioni e ambiguità”.

In qualche modo il percorso che Anouk Wipprecht ha intrapreso nella sua vita ha dovuto affrontare alcune delle sfide che mi hanno ricordato Nell e, come lei, non ha permesso che la creatività venisse sacrificata per una qualche idea di conformismo. Lo scorso settembre ho trascorso un giorno con Anouk girovagando da un luogo all’altro, qui a Milano, per rispettare tutti gli appuntamenti della sua fitta agenda che sarebbero culminati con la presentazione a Meet the Media Guru, una serie di eventi che vedono protagonisti internazionali della cultura digitale discutere di una varietà di argomenti che spaziano dalla scienza alla moda e all’ambiente.

Il suo lavoro come fashion tech designer ha portato Anouk a viaggiare in tutto il mondo, specialmente negli Stati Uniti, dove varie aziende tra cui Intel, Samsung e Swarovski le hanno commissionato installazioni e prodotti che intersecano l’estetica futuristica del design fabbricato digitalmente, con i componenti più innovativi delle tecnologie indossabili. Da quando ha iniziato a lavorare in questo campo, circa 12 anni fa, ha sviluppato 37 progetti principalmente trasformando gli abiti in interfacce: attraverso l’uso della robotica e dell’hardware open source finalmente la moda inizia a parlare con noi.

Durante la nostra conversazione e le sue presentazioni, è emerso chiaramente come per Anouk la moda significhi principalmente occuparsi di espressività e comunicazione. Nata nei Paesi Bassi, ha studiato moda dall’età di 14 anni, nonostante la sua famiglia preferisse qualcosa di più orientato ad un “vero lavoro”, come essere un avvocato o un medico. A quei tempi Anouk era appassionata di disegno, e l’atto di disegnare abiti era diventato un modo per esprimere se stessa e superare il suo carattere introverso.

Dopo un paio d’anni di studi, si è resa conto che al percorso di formazione nella moda mancava qualcosa, era troppo analogico per riuscire a sperimentare in modo più radicale. Il padre aveva un lavoro che la avvicinava ai computer e alla programmazione, ma l’interesse di Anouk l’aveva portata verso la robotica per le sue caratteristiche più fisiche: “Un robot potrebbe avere un cuore e un cervello perché ha la forma di un essere umano. Aggiungere un robot al corpo potrebbe permettere ai miei capi di esprimere al meglio l’identità e gli stati d’animo di chi li indossa”, mi spiega.

In quegli anni interdisciplinarità e contaminazione non erano ancora una tendenza molto diffusa, di conseguenza i suoi esperimenti con la tecnologia non furono apprezzati dalla scuola di moda e Anouk fu espulsa. “In quei giorni mi sentivo un po’ persa”, continua – “Poi ho visitato alcune classi di una mia amica che studiava interaction design e ho scoperto Arduino. Erano i primi anni del progetto Arduino, nato all’Interaction Design Institute di Ivrea (Italia) e promosso anche da un ragazzo a Malmö, che poi mi sono resa conto essere David Cuartielles, uno dei co-fondatori.

Quindi ho deciso di andare in Svezia e partecipare ad un seminario incentrato sulla comprensione di ciò che le persone volevano fare con il microcontrollore open source. Ho capito immediatamente quanto fosse utile essere in contatto con una comunità open source, condividere progetti e codici e ridurre le barriere tra l’interaction design e le persone senza una formazione ingegneristica. E ho capito anche quanto l’interdisciplinarità fosse un aspetto cruciale per i miei progetti”.

“In quei giorni le scuole di interaction design non sapevano nulla di moda e viceversa le scuole di moda non avevano idea degli aspetti tecnologici, e immediatamente mi sono resa conto che più conflitti hai, più fioriscono idee interessanti.” Mi dice nel bel mezzo della nostra conversazione, mentre su un taxi ci precipitiamo in un’altra location.

Così Anouk ha deciso di tornare a frequentare la scuola di moda, anche grazie ad uno degli insegnanti, che aveva accettato il suo approccio tecnico, e così è stata in grado di concentrarsi sull’estetica della sua pratica e acquistare fiducia sul fatto di poter introdurre la tecnologia. Il suo viaggio ha potuto quindi continuare, ma non senza dover incontrare altre complessità.

“Se non sei un ingegnere, sei spesso sminuita sia se sei un ragazzo o una ragazza, ma le donne si sentono più colpite perché la tecnologia è per lo più una sorta di ‘fratellanza’. Dieci anni fa, una delle prime volte che salivo sul palco per parlare del mio progetto, ritrovandomi tra il pubblico, composto per lo più da uomini, mi resi conto che davano per scontato che avrei parlato di marketing o qualcosa di non tecnico.

Vorrei che avessero meno pregiudizi. Ma ora è strano perché la situazione è esattamente l’opposto. Dato che sono una ragazza che si occupa di tecnologia, mi invitano molto, a volte solo perché sono una donna. Siamo passati ad un nuovo estremo, che crea momenti imbarazzanti un cui penso di essere stata scelta solo perché sono una ragazza.”

I primi lavori di Anouk, come Smoke Dress e Spider Dress, si occupano principalmente di creare uno connessione aumentata con le persone che ci circondano utilizzando una modalità non verbale. Mentre il primo, un abito completamente stampato in 3D, crea automaticamente un velo di fumo ogni volta che qualcuno entra nello spazio personale di chi lo indossa, il secondo è composto da membra animatroniche che assumono una posizione di attacco quando qualcuno si avvicina in modo aggressivo e creano invece gestualità più fluide per accogliere i visitatori più calmi.

Indossare questi abiti rende più facile mostrare quando la persona si sente a disagio ed esprimere tale sensazione senza dire una parola. Uno dei suoi recenti progetti invece si concentra maggiormente sulla salute. “La salute mentale non è stata studiata abbastanza. I progetti che realizzo potrebbero essere di ispirazione per affrontare alcune questioni da una diversa prospettiva. Il progetto Agent Unicorn, ad esempio, esplora il comportamento dei bambini con ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività), coloro che sono un po ‘più occupati’ di altri e che gli specialisti tendono a definire malati, cosa che credo sia sbagliata.

Se sei un bambino più impegnato e curioso del mondo rispetto agli altri, non significa che tu abbia bisogno di farmaci, ma questo è quello che accade normalmente negli Stati Uniti. Il progetto Agent Unicorn è un dispositivo che ho creato per mostrare ai bambini come funziona il loro cervello, perché per me, a lungo termine, creare un sistema di apprendimento e consapevolezza è meglio che intontire con delle pillole.”

Agent Unicorn è un cerchietto in stampa 3D a forma di corno e dotato di fotocamera e sensore EEG (elettroencefalografia). È giocoso e confortevole allo stesso tempo, quindi i bambini lo indossano volentieri. Quando il sensore EEG riceve un segnale forte, la fotocamera si accende per registrare la visione del bambino nell’esperienza in tempo reale. In questo modo il dispositivo può fornire una comprensione migliore di ciò che eccita o distrae il bambino in diverse esperienze quotidiane.

Il progetto è stato sviluppato durante la residenza presso Ars Electronica Futurelab, dove Anouk ha collaborato con un gruppo di neuroscienziati e tecnologi per esplorare la modalità in cui i bambini riescono a indossare dispositivi medici con uno stato mentale diverso grazie a un’estetica alla moda e al loro coinvolgimento nell’esplorazione della loro capacità di attenzione durante il giorno.

Come altri progetti, anche Agent Unicorn sarà open source e la documentazione diffusa online: “Spesso diffondo i miei progetti per consentire alla comunità di creare il proprio e darmi un riscontro. Il feedback infatti è particolarmente importante quando si lavora su dispositivi di livello medico che intendono fare misurazioni accurate.

L’aspetto della condivisione è una parte molto importante del mio lavoro, perché non sarei quello che sono oggi se non avessi potuto accedere a molte conoscenze open source. Mi piace anche esplorare idee radicali e, come artista, credo di poter avere qualche conseguenza sul settore sanitario se realizzo più progetti come questo. Mi consente anche di aprire una discussione su argomenti delicati come questo.”

La nostra conversazione prosegue riflettendo su quanto l’innovazione avvenga quanto più spesso si guardano le cose con una prospettiva diversa. Ad esempio un problema che non è stato ancora risolto, un’innovazione che stiamo ancora aspettando, è come lavare gli indumenti quando incorporano l’elettronica. Se provassimo a risolverlo guardando solo alle componenti elettroniche e tentando di renderli resistenti ai lavaggi in lavatrice, probabilmente non lo risolveremo mai.

Ma se lo affrontassimo spostando l’attenzione sulla progettazione di un nuovo tipo di lavatrice, con la capacità di pulire senza usare l’acqua? I dispositivi indossabili devono ancora affrontare molti limiti per diventare prodotti di consumo reali a causa di problemi come il consumo di energia, la manutenzione e il lavaggio, ma forse è più facile superarli se immaginiamo una lavatrice adatta all’elettronica.

“Immagina di tornare a casa e mettere il tuo vestito in un armadio dove viene ricaricato e lavato a secco”, dice Anouk. E questo è un aspetto cruciale: dovremmo iniziare a fare domande alle industrie giuste e costruire una collaborazione tra diversi settori se vogliamo davvero diffondere i dispositivi indossabili e coinvolgere la comunità per creare un ecosistema di dispositivi open source, personalizzabili e aggiustabili da una rete di creatori locali negli hackerpace, makerspace e fablab.

Diversamente abiti e dispositivi indossabili potranno abitare solo l’ambito dell’esclusività e del lusso: “L’area del fashion tech all’inizio ha attratto l’interesse delle aziende tecnologiche – spiega Anouk – quelle di moda si sono avvicinate più tardi, solo 3-4 anni fa. Tuttavia in questo momento il modello di business della moda si basa su un rapido processo ‘in & out’, quindi è piuttosto difficile introdurre la tecnologia, perché è necessario molto più tempo per creare un capo di questo tipo e sarebbe economicamente insostenibile indurre l’obsolescenza alla fine della stagione.

Con i capi di fascia alta e il pubblico dell’alta moda potrebbe essere più facile perché l’attenzione si concentra principalmente sull’handmade e sull’artigianato applicato a un capo, ed è possibile aggiungere anche il valore dell’interazione e della tecnologia indomabile, ma personalmente non sono così concentrata sulla creazione di capi di lusso riservati solo a persone facoltose che possono permetterseli.

Mi affascina di più sperimentare con persone con bisogni speciali e creare progetti accessibili ad un pubblico più ampio. Come possono i miei progetti aiutare i bambini con ADHD o adulti affetti da demenza o depressione? Penso che riflettere su come rendere i wearables più commerciali e a prova di consumatore, piuttosto che esclusivi, sia una conversazione più interessante.”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s