La meraviglia della stampa 3D spiegata ai nonni

Stampante 3d in azione

Articolo originariamente pubblicato su CheFuturo

Le parole sono utili, i racconti e le spiegazioni scientifiche anche, ma finchè una tecnologia non si rende evidente nel risolvere  problemi quotidiani o  facilitare la nostra vita in modo concreto è difficile capire perchè è importante investirci.

Il punto della fabbricazione rapida non è, per esempio, solo mostrare  come funziona tecnicamente una stampante 3d, una lasercut o una fresa a controllo numerico. Conta soprattutto rendersi conto di cosa significhi in senso più ampio la sua applicazione nella nostra società. In che modo quindi la sua portata dirompente ci tocca direttamente e molto più rapidamente di quanto altre tecnologie lo hanno fatto nel passato.

Con Wefab, progetto che sto seguendo parallelamente a Openwear, da più di un anno stiamo organizzando eventi (in attesa di avere un makerspace per farlo tutti i giorni ) cercando di individuare e mettere in pratica modi innovativi di abilitare le persone a creare e produrre autonomamente, attraverso la collaborazione e la condivisione dei saperi e l’utilizzo di tecnologie di prototipazione rapida come quelle citate sopra.

Questa volta ci siamo dedicati alla stampa 3D, dando luogo ad  un’iniziativa che mettesse al centro il suo lato più creativo e produttivo. L’evento si è svolto sabato 20 ottobre in Zona Tortona, quell’area di Milano dove ogni anno si celebra il Fuorisalone e dove lo Spazio Concept si è offerto di ospitarci con l’iniziativa dal titolo: Design Smash 3D – Un contest di design come non l’avevi mai provato, in 3D”. (qui le foto dell’evento)

Continue reading La meraviglia della stampa 3D spiegata ai nonni

Advertisements