Plastic bag sea in stop motion / Mare di sacchetti di plastica in stop motion

(EN) One million plastic bags pollute San Francisco Bay each year, that means more than 100 bags for every seal, duck and pelican. The video produced for Save the Bay campaign gives a visual idea of what it looks like.

————-

(IT) 1 milione di sacchetti di plastica inquinano la Baia di San Franscisco ogni anno, che significa più di 100 sacchetti per ogni gabbiano, anatra e pellicano. Il video è stato realizzato per la campagna  Save the Bay e riesce a dare l’idea della massa plasticosa che invade il mare.

Advertisements

Visualizing the city/ Nuovi modi di visualizzare la città

In the air of Madrid
In the air of Madrid

(EN) Database City is the title of the workshop held in Madrid last month. It was the second edition of a bigger project called Visualizar an open and participartory research project around theory, tools and strategies of information visualization:

“VISUALIZAR 2008 is focused on the city context. Urban environments, which are becoming increasingly dense, complex and diverse, are one of contemporary society’s largest “databases”, daily generating volumes of information that require new methods of analysis and understanding”

Inside the workshop, seven proposal have been developed. My favourites are these two:

  • In the air is about making visible the invisible, visualizing gases, particles, pollen, diseases, and other different agents of Madrid’s polluted air. The result is a ghost city surrounded by a multicolored fog changing its shape and hue according to the information feed. Unfortunately the visualization is not online but on display at Medialab-Prado in Madrid through January 11th.
  • City Murmur is about visualizing the urban space through the eyes of media.  Build online your map fed by a stream of more than 600 RSS feeds from major media outlets and the blogosphere and visualize in real time the changing perception of the city areas.

——–

(IT) Database City è il titolo di un workshop che si è tenuto a Madrid il mese scorso. Si tratta della seconda edizione all’interno di un progetto più ampio chiamato  Visualizar, ricerca partecipativa  e aperta intorno agli strumenti, strategia e teorie della visualizzazione dell’informazione:

“VISUALIZAR 2008 mette il focus sul contesto cittadino. Gli ambienti urbani stanno diventando sempre più densi, complessi e diversificati, e sono uno dei database più vasti della società contemporanea, generando ogni giorni volumi di informazioni che richiedono nuovi metodi di analisi e  comprensione”

Nel workshop  si sono affrontate 7 proposte e ora ve ne racconto sinteticamente due:

  • In the air rende visibile l’invisibile, permettendo la visualizzazione di gas, particolato, pollini, e altri agenti che inquinano l’aria di Madrid. Il risultato è una sorta di città fantasma circondata da una nebbia multicolore che varia di forma e tonalità a seconda dei feed informativi che riceve. Sfortunatamente non è online ma solo al Medialab-Prado di Madrid fino all’11 di gennaio.
  • City Murmur tratta invece dello spazio urbano visto attraverso l’occhio dei media. Puoi costruire la tua mappa scegliendo il tema che ti interessa e aggregando i feed da più di 600 fonti informative mainstream e della blogosfera, visualizzando così la percezione delle aree urbane nei media in tempo reale.
City Murmurs
City Murmurs

The Story of Stuff / La Storia delle Cose

(EN) Consumerism, exploitment and pollution are all interconnected and if we want to solve what doesnt work in one of these three dimensions, we need to understand how the linear system where things come from is failing . Take a look at the video made by Annie Leonard and everything will be more clear. And it’s translated in many languages on video sharing website.

——

(IT) Consumo, sfruttamento e inquinamento sono interconnesse e se vogliamo risolvere ciò che non funziona in una di quelle tre dimensioni dobbiamo capire quali sono i difetti del sistema lineare che governa la produzione delle cose. Dai un’occhiata al video di Annie Leonard e tutto sarà più chiaro. Ed è tradotto in varie lingue sui siti di condivisione di video.