Workshop wearables all’ITS di Biella

 

L’ITS Tessile Abbigliamento Moda di Biella é un Istituto Tecnico di nuova generazione che propone percorsi biennali post diploma

alternativi all’università ma a essa collegati, per formare tecnici superiori in grado di inserirsi nei settori strategici del sistema economico-produttivo, portando nelle imprese competenze altamente specialistiche e capacità d’innovazione.

Il 22 Gennaio ho tenuto un workshop di introduzione ai microcontrollori e agli smart textile con un’attivitá hands-on pratica, invitata da Fablab Biella.

La galleria di immagini è consultabile sul Flickr di Wemake.

 

Advertisements

Video report di Fashion Goes Interactive

museoScienza-wemake

Il video del workshop alla Tinkering Zone del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano.
che si e’ tenuto l’8 novembre 2014, in collaborazione con Henkel. Spunti, riflessioni e idee nel video reportage realizzato durante la giornata. Contributi di Zoe Romano, Cristina Tajani, Maria Xanthoudaki e Maria Grazia Mattei.

Wearables al Museo della Scienza di Milano

Tinkeringzone

Sabato prossimo sono ospite insieme a Costantino Bongiorno – co-founder di WeMake – nella Tinkering Zone del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano per un workshop gratuito supportato da Henkel.

——–
Si può indossare la tecnologia?
Hai mai immaginato di personalizzare un accessorio fashion?

“Fashion goes interactive” e’ workshop gratuito per maker, designer, stiliste, ricercatrici, studentesse e tutte le donne che vogliano scoprire come tecnologia, arte e design si fondono con il mondo del fashion. Nella Tinkering Zone del Museo, un incontro speciale dedicato al making, per sperimentare la “wearable technology” e customizzare gli accessori utilizzando Arduino e i sensori tessili. Continue reading Wearables al Museo della Scienza di Milano

Open source branding lecture at Parsons

Zoe Romano -  Parsons

Last month I was in New York invited by Otto von Busch at The School of Design Strategies for a lecture and a workshop about the concept of open source  in fashion and how I experienced it through the projects I co-funded starting from 2005 ( Serpica Naro and Openwear).

The SDS is “an experimental educational environment configured to advance innovative approaches to design and business education in the evolving context of cities, services, and ecosystems”.

Below you can find the slides of the lecture and here some pictures of the workshop!

It was a great experience working together with Otto but also Pascale Gatzen and finally meeting with Giana, from Hacking Couture.

Visualizing the city/ Nuovi modi di visualizzare la città

In the air of Madrid
In the air of Madrid

(EN) Database City is the title of the workshop held in Madrid last month. It was the second edition of a bigger project called Visualizar an open and participartory research project around theory, tools and strategies of information visualization:

“VISUALIZAR 2008 is focused on the city context. Urban environments, which are becoming increasingly dense, complex and diverse, are one of contemporary society’s largest “databases”, daily generating volumes of information that require new methods of analysis and understanding”

Inside the workshop, seven proposal have been developed. My favourites are these two:

  • In the air is about making visible the invisible, visualizing gases, particles, pollen, diseases, and other different agents of Madrid’s polluted air. The result is a ghost city surrounded by a multicolored fog changing its shape and hue according to the information feed. Unfortunately the visualization is not online but on display at Medialab-Prado in Madrid through January 11th.
  • City Murmur is about visualizing the urban space through the eyes of media.  Build online your map fed by a stream of more than 600 RSS feeds from major media outlets and the blogosphere and visualize in real time the changing perception of the city areas.

——–

(IT) Database City è il titolo di un workshop che si è tenuto a Madrid il mese scorso. Si tratta della seconda edizione all’interno di un progetto più ampio chiamato  Visualizar, ricerca partecipativa  e aperta intorno agli strumenti, strategia e teorie della visualizzazione dell’informazione:

“VISUALIZAR 2008 mette il focus sul contesto cittadino. Gli ambienti urbani stanno diventando sempre più densi, complessi e diversificati, e sono uno dei database più vasti della società contemporanea, generando ogni giorni volumi di informazioni che richiedono nuovi metodi di analisi e  comprensione”

Nel workshop  si sono affrontate 7 proposte e ora ve ne racconto sinteticamente due:

  • In the air rende visibile l’invisibile, permettendo la visualizzazione di gas, particolato, pollini, e altri agenti che inquinano l’aria di Madrid. Il risultato è una sorta di città fantasma circondata da una nebbia multicolore che varia di forma e tonalità a seconda dei feed informativi che riceve. Sfortunatamente non è online ma solo al Medialab-Prado di Madrid fino all’11 di gennaio.
  • City Murmur tratta invece dello spazio urbano visto attraverso l’occhio dei media. Puoi costruire la tua mappa scegliendo il tema che ti interessa e aggregando i feed da più di 600 fonti informative mainstream e della blogosfera, visualizzando così la percezione delle aree urbane nei media in tempo reale.
City Murmurs
City Murmurs

Info Activism Camp 2009 in India!

[blip.tv ?posts_id=1320677&dest=-1]

(EN) I wrote the other day about Tactical Technology Collective and their booklet about maps. While exploring their projects I discovered about the Camp they are organizing in India: a seven-day workshop held in Bangalore from the 19th to the 25th of February 2009.

“This is the first-ever international camp on Info-Activism and is a week-long affair. The event will bring together 120 rights advocates, technologists, designers and activists working in the global South to share skills and ideas on digital advocacy.”

Go here to apply.  Deadline is the first of November 2008.

———–

(IT) L’altro giorno ho scritto di Tactical Technology Collective e della loro guida all’utilizzo dello strumento delle mappe. Mentre esploravo il loro progetti ho scoperto che stanno organizzando un Camp in India: 7 giorni di workshop in Bangalore dal 19 al 25 febbraio 2009:

“Si tratta del primo camp internazionale di una settimana sull’Info Activism. L’evento riunirà 120 designers, attivisti, tecnici, advocates dei diritti che lavorano nel sud del mondo e che condivideranno idee e capacità sull’attivismo digitale”

La termine ultimo per spedire la richiesta di partecipazione è il 1° novembre.